martedì 28 aprile 2015

Dare

sorgente acqua

Finché il nostro atteggiamento è quello di accumulare, di prendere egoisticamente e di non permettere mai all’energia di fluire da noi agli altri, noi blocchiamo quel flusso di energia; col tempo, esso potrebbe esaurirsi completamente. Una sorgente che rimane inutilizzata, alla fine smetterà di fluire.

Swami Kriyananda

Yago Salina

lunedì 27 aprile 2015

Creare

automi
(Fotogramma tratto dal film "Io, Robot")

«Perché non ti trovi un lavoro decente?»
«Non ci sono lavori decenti. Se uno scrittore non riesce a campare creando, vuol dire che è morto»
«Oh, smettila, Carl! Al mondo ci sono miliardi di persone che non campano creando. Vuol dire che sono morte?»
«Sì»

Charles Bukowski, A sud di nessun nord

Yago Salina

domenica 26 aprile 2015

Italia

vendesi
Non c'è gusto in Italia ad essere intelligenti.

Roberto "Freak" Antoni

Yago Salina

sabato 25 aprile 2015

Dimenticare

ricordare
(Disegno di Carlo Romiti - E tuttavia non ricordare)

Se riuscire a dimenticare è segno di sanità mentale, il ricordare senza posa è ossessione e follia.

Jack London, Il vagabondo delle stelle

Yago Salina

venerdì 24 aprile 2015

Morte

Arnold_Böcklin
(Opera di Arnold Böcklin - Paesaggio con rovine al chiaro di luna)

E' possibile riprendere a vivere dopo la morte di una persona cara senza per questo negarne la memoria? Chi resta si sente prima abbandonato e poi, quando recupera l'attaccamento alla propria vita, colpevole di abbandono. Prima tradito, poi traditore. E chi muore? Ha paura di morire davvero nella dimenticanza, si rifiuta di scomparire, si sforza di trattenere, può diventare un ostacolo, un ricordo ossessivo travestito da fantasma, invincibile nella sua inconsistenza.

Josephine Hart, L'oblio

Yago Salina

giovedì 23 aprile 2015

Amore


Un gioco che vorrei non aver mai giocato
Oh, che casino abbiamo fatto
Ed ora la scena finale
L'amore è un gioco a perdere

Amy Winehouse, Love Is a Losing Game

Yago Salina

mercoledì 22 aprile 2015

Preghiera

makkox
(Disegno di Makkox)

Mare nostro che non sei nei cieli
e abbracci i confini dell’isola e del mondo,
sia benedetto il tuo sale,
sia benedetto il tuo fondale.

Accogli le gremite imbarcazioni
senza una strada sopra le tue onde,
i pescatori usciti nella notte,
le loro reti tra le tue creature,
che tornano al mattino con la pesca
dei naufraghi salvati.

Mare nostro che non sei nei cieli,
all’alba sei colore del frumento,
al tramonto dell’uva di vendemmia,
ti abbiamo seminato di annegati
più di qualunque età delle tempeste.

Mare nostro che non sei nei cieli,
Tu sei più giusto della terraferma,
pure quando sollevi onde a muraglia
poi le abbassi a tappeto.

Custodisci le vite, le visite cadute
come foglie sul viale,
fai da autunno per loro,
da carezza, da abbraccio, bacio in fronte
di madre e padre prima di partire.

Erri De Luca, Preghiera laica

Yago Salina

martedì 21 aprile 2015

Vita

gio evan
(Poesia di Gio Evan)

Siamo nati una volta, due non è possibile nascere, dovremo eternamente non essere: tu, che non disponi del domani, rinvii l'occasione dell'oggi: e intanto la vita ci sfugge, e ciascuno di noi senza essere mai padrone di un'ora si muore.

Epicuro

Yago Salina

lunedì 20 aprile 2015

Straniero

fratello straniero
Lo straniero è come un fratello che non hai mai incontrato.

Detto sudanese

Yago Salina

domenica 19 aprile 2015

Amore

rafał olbiński
(Opera di Rafał Olbiński)

Se c’è una cosa per cui il giorno del Giudizio Universale dovranno condannarti è che hai avuto l’amore in casa e non hai saputo riconoscerlo.

Gabriel García Márquez, Diatriba d'amore contro un uomo seduto

Yago Salina

sabato 18 aprile 2015

Vita

Roadsworth
(Opera di Peter Gibson, aka Roadsworth)

Non possiamo scegliere da dove arriviamo, ma possiamo scegliere dove andare da lì in poi.

Dal film "Noi siamo infinito"

Yago Salina

venerdì 17 aprile 2015

Silenzio

pensare
Il tuo silenzio
dici
è pieno di me

Così so
come si sentono i morti
pensati dai vivi.

Michele Mari, Cento poesie d’amore a Ladyhawke

Yago Salina

giovedì 16 aprile 2015

Rimediare

rimediare
Non trovare l'errore, trova il rimedio.

Henry Ford

Yago Salina

mercoledì 15 aprile 2015

Cambiare

mutamento
«Aiuto, sto cambiando!» disse il ghiaccio
«Sto diventando acqua, come faccio?
Acqua che fugge nel suo gocciolìo!
Ci sono gocce, non ci sono io!»
Ma il sole disse: «Calma i tuoi pensieri
Il mondo cambia, sotto i raggi miei
Tu tieniti ben stretto a ciò che eri
E poi lasciati andare a ciò che sei»
Quel ghiaccio diventò un fiume d’argento
Non ebbe più paura di cambiare
E un giorno disse: «Il sale che io sento
Mi dice che sto diventando mare
E mare sia. Perché ho capito, adesso
Non cambio in qualcos’altro, ma in me stesso»

Bruno Tognolini, Le filastrocche della Melevisione

Yago Salina

martedì 14 aprile 2015

Viltà

uomo pontile
Vile, veramente vile è solo chi ha paura dei suoi ricordi.

Elias Canetti

Yago Salina

lunedì 13 aprile 2015

Allattare

allattare
Gli occhi della bambina erano scuri, quasi neri, e quando la allattavo di notte mi fissava stordita, con lo sguardo del naufrago, come se il mio corpo fosse l’isola alla quale era approdata.

Jenny Offill

Yago Salina