Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2021

Occhi

(Opera di Loui Jover - Bewildered) E in fondo a ognuno di quegli occhi abitavo io, ossia abitava un altro me, una delle immagini di me, e s'incontrava con l'immagine di lei, la più fedele immagine di lei, nell'ultramondo che s'apre attraversando la sfera semiliquida delle iridi, il buio delle pupille, il palazzo di specchi delle rètine, nel vero nostro elemento che si estende senza rive né confini. Italo Calvino, Le Cosmicomiche

Coscienza

(Fotografia di Annie Spratt) Non accogliere il sonno nei molli occhi prima di aver ripercorso tre volte tutte le azioni della giornata: in qual modo ho sbagliato? Che cosa ho fatto? Qual mio dovere non fu compiuto? Porfirio, Vita di Pitagora

Fine

Allungai la mano sulla scrivania. Me la prese. Pianse di colpo, e piansi anche io. Non per nostalgia, non per desiderio, ma perché le cose finiscono. Marco Missiroli, Atti osceni in luogo privato

Libertà

Finché esisteranno finestre, l'essere umano più umile della terra avrà la sua parte di libertà. Amélie Nothomb, Stupore e tremori

Verità

Ci sono due tipi di verità. Ci sono quelle superficiali, il cui contrario è evidentemente falso, ma ci sono anche le verità profonde, il cui contrario è altrettanto giusto. Jostein Gaarder, Il mondo di Sofia

Passato

(Opera di Christen Dalsgaard) I nostri passati sono così simili. Così simili. Sono passati di ricordi che assomigliano a vetri appannati dall'umidità dell'autunno. Possiamo scriverci il nome sopra e annullarli. Isabella Santacroce, Luminal

Perdersi

(Fotografia di Johan Bergmark) Quando sei perso, guardati intorno. Dubita di tutto e cancellalo. Hai una sola certezza: tu sei lì. Lo sei perché c'è il tuo corpo e tu sei il tuo corpo. Il tuo corpo è lo spazio che hai attraversato, ma anche il tempo che ti ha reso ciò che sei. Paul Auster, Diario d'inverno

Conformismo

Questa era la normalità: questo ripiego, questa forma vuota. Al di fuori di essa, tutto era confusione ed arbitrio. Alberto Moravia, Il conformista

Paura

Per la prima volta Stella sentiva che era valsa la pena di saltare nel vuoto, perché alla fine avrebbero trovato il posto sicuro dove amarsi senza paura. E fu in quello spirito che fecero l'amore: senza paura, liberamente, mentre i treni rombavano sul viadotto nella notte. E Stella lo fece ridendo, gridando, urlando al magazzino intero tutta la vita che aveva dentro. Patrick McGrath, Follia

Cicatrici

(Carola Guaineri - Fotografia strappata e riparata con la tecnica del Kintsugi) Adoro l'ambivalenza poetica di una cicatrice. Ha due messaggi: qui, mi sono fatta male; qui, sono guarita. Louise Madeira

Reagire

(Fotogramma tratto dal film "Furore") Il crollo non c'era stato; e non ci sarebbe mai stato un crollo finché la paura fosse riuscita a trasformarsi in furore. John Steinbeck, Furore

Sicurezza

Non ci si perde mai così facilmente come quando si crede di conoscere la strada. Proverbio cinese

Passione

(Fotografia tratta dal film "Non ti muovere") Non è sano che il tempo trascorra così. Non per noi. Non siamo amici, né lo saremo mai. Siamo stati amanti prima ancora di conoscerci. Ci siamo scambiati la carne forsennatamente. E ora è così strana questa cortesia che è scesa tra noi. La guardo e mi chiedo che c’entriamo io e lei con queste acque morte. Non può finire così, senza un grido, senza niente. Se un demonio deve caderci addosso, che ci bruci. Non possiamo finire in questa terra di mezzo. Margaret Mazzantini, Non ti muovere

Compiacere

(Fotografia che ritrae Federico Fellini) Mi sono accorto che non c'è cosa più divertente che dare ragione ad un idiota. E dentro ridere. Federico Fellini

Tempo

(Iillustrazione di Mike McQuade) Ma forse il tempo è stato inventato per porre fine alla disperazione. Perché non duri in eterno? Forse proprio così. E la felicità, il suo opposto, è forse eterna? Non c'è tempo nella felicità. In cielo hanno buttato via tutti gli orologi. Saul Bellow, Henderson il re della pioggia

Silenzio

(Fotografia di Rory Van Millingen) Questo silenzio, lo temevo. Mi parla di te. MeP

Piacere

Ci sono dei momenti in cui si ha il dovere di non piacere a tutti. Enzo Biagi

Empatia

(Illustrazione di Eleni Debo) Bisognerebbe sapere molto del carnefice per capire che la distanza che ci separa da lui è minore di quanto crediamo. Nicola Lagioia, La città dei vivi

Competenza

Questa nostra società funzionerebbe assai meglio se ognuno si sforzasse di fare al meglio ciò che sa fare, tentasse di imparare ciò che non sa fare, e avesse sempre ben presente ove si trova il confine tra queste due cose. Marco Malvaldi, Il borghese Pellegrino

Sopportare

(Opera di Kenton Nelson) In fin dei conti, possiamo sopportare molto più di quanto pensiamo. Frida Kahlo

Attrazione

(Fotogramma tratto dal film "Anna Karenina") Siamo irresistibilmente attratti da chi ci creerà i problemi che ci servono per la nostra evoluzione personale. Alejandro Jodorowsky

Difendersi

(Illustrazione di Stephan Schmitz) Ma, come ho poi imparato anche troppo bene, credo che in gioventù tutti, uomini e donne, cercano di contrastare dentro il loro stesso animo ogni nuova sincera simpatia: quasi la mettono alla prova, anche a costo di soffocarla sul nascere. Mario Soldati, La sposa americana

Parole

Ma cosa ti ho dato, poi? Solo parole, e cosa possono le parole.  Probabilmente talvolta possono. E forse ci sono dei momenti di grazia in cui il cielo si apre anche sulla terra. David Grossman, Che tu sia per me il coltello

Amare

li tratti come se avessero un cuore come il tuo ma non tutti sanno essere altrettanto teneri e delicati non vedi la persona che essi sono vedi la persona che saprebbero essere continui a dare fino a quando ti tirano via tutto lasciandoti vuota Rupi Kaur, Milk and honey

Infinito

Quando di notte alzavamo la testa verso la luna, percepivamo in noi la vastità del mondo, la sentivamo brillare immobile sopra il brulichio ininterrotto di miliardi di individui. La coscienza si dilatava nello spazio totale del pianeta, verso altre galassie. L'infinito smetteva di essere immaginario. Ecco perché era inconcepibile dirsi che un giorno saremmo morti. Annie Ernaux, Gli anni