Passa ai contenuti principali

Paura

guardarsi-negli-occhi

Ora ti racconto di quando ho avuto paura.
Ho avuto paura, quando ti ho conosciuto, perchè sapevo che saresti stata una di quelle persone che avrei sempre, sempre, sempre avuto paura di perdere.
Ho avuto paura quando ho capito che con te ero pronta a rischiare, e a reinventarmi, e a mettere in gioco tutte le mie sicurezze, perchè ho capito che avrei rischiato, un giorno, di restare a pugni stretti stringendo solo vuoto.
Ho avuto paura quando ho cominciato a notare che tu eri in tutte le cose che facevo, che dicevo, che vedevo, che ascoltavo, perchè ho pensato che un giorno, se te ne fossi andato, non avrei avuto più niente da dire, da vedere, da ascoltare.
Ho avuto paura quando per la prima volta ti ho detto ‘vieni qua, stammi vicino’, perchè temevo di vederti andar via. Ho avuto paura tante altre volte, perchè le cose belle fanno paura.
Perchè si ha paura della loro fine.
Ora ti racconto di quando ho avuto paura e di come, guardandoti negli occhi, ho smesso di farlo.


Lacrime di Pioggia.


Se vuoi questa frase come stickers murale clicca qui

Commenti

  1. La paura è questo vento forte che scompiglia le vele, se riesci a trovare il modo di farle gonfiare diventa coraggio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Le citazioni più popolari del mese

Trinità

(Fotogrammi tratti dal film "Bram Stoker's Dracula")
Il limite della Trinità è di non inglobare il diavolo facendo la Quaternità.
Carl Gustav Jung

Rinascere

Se esiste una bilancia, ha piatti immobili.
Se c'è giustizia, eccola.

Morire quanto necessario, senza eccedere.
Rinascere quanto occorre da ciò che si è salvato.
Wisława Szymborska

Passione

(Fotografia dello spettacolo teatrale di Kenneth Branagh "Romeo e Giulietta")
Le passioni umane sono una cosa molto misteriosa. Coloro che ne vengono colpiti non le sanno spiegare, e coloro che non hanno mai provato nulla di simile non le possono comprendere.
Michael Ende, La storia infinita

Stelle

(Opera di Yago Salina - Chi nasce ad Aprile...)
Quando c’è una bella notte stellata, il signor Palomar dice: «Devo andare a guardare le stelle». Dice proprio: «Devo», perché odia gli sprechi e pensa che non sia giusto sprecare tutta quella quantità di stelle che gli viene messa a disposizione.
Italo Calvino, Palomar

Speranza

(Opera di Fabian Perez)
Sono un pessimo romantico, lo ammetto. È per questo che non sono riuscito a farti innamorare. Lo so che è così.
Ho immaginato che potessi bastare io, con i miei modi normali e l’aria spavalda. Fintamente sicura. E del tempo, per spiegarti quello che manca, per farti vedere che ne sarebbe valsa la pena, alla fine.
Ho provato, che dire, a farmi scegliere. Ho sperato. Dovevo. Era una possibilità, capisci? Come fare a metterla via, a dimenticarla. Forse aspettando, forse non era il momento. Forse io e te abbiamo un altro tempo. Sono sicuro che con qualche giorno in più, ora in più, ti avrei portato via con me. È l’idea che almeno una volta succeda, no? Hai presente? Quell’idea invasiva e sotterranea che si inabissa o si palesa e lo fa una volta sola per tutte e se l’avverti non puoi far finta di niente se hai un po’ di senno.
Come un sibilo fluttuante e sinuoso.
A me è successo questo: non sono riuscito a fare finta di niente, non volevo, in fondo.
Non potevo far …